Il sakè viene oggi prodotto in ognuna delle 47 prefetture giapponesi, ma solo Yamagata è stata l’unica prefettura a ricevere la sua G.I “ geographical indication “ , una denominazione simile alla nostra Indicazione Geografica Tipica che certifica l’origine e la qualità del prodotto. Cosa ha fatto sì che il sakè prodotto a Yamagata sia stato equiparato livello legislativo a prodotti regionali iconici come lo Champagne e il Darjeeling ?

Il segreto è da ricercarsi nel duro e silenzioso lavoro di pochi appassionati, che oltre 30 anni fa iniziarono a credere che il sakè prodotto a Yamagata fosse un prodotto unico che necessitava investimento, passione e ricerca.  Nel 1987, in seguito alla fondazione della Yamagata Sake Brewers Association, associazione che racchiudeva i migliori produttori della prefettura, venne creata la Yamagata Brewing Research society, una associazione con ramificazioni in diversi campi dell’industria del sake, dedicata all’avanzamento e al miglioramento delle tecnologie di produzione del sakè, sotto l’egida dello Yamagata Research Institute of Technology.

Questo avvenimento coincise con il lancio del “ Team Yamagata “, una partnership pubblico-privata dedicata al rilancio dell’industria locale del sakè tramite il miglioramento delle risorse umane e tecnologiche a disposizione nella regione. 

 

Koseki Toshihiko, un esperto tecnologo di sakè del Yamagata Research Institute of Technology, giocò un ruolo fondamentale nella costruzione di questa partnership. In qualità di capo del centro di ricerca per il sakè dell’istituto, fu suo compito definire il regolamento per l’analisi sensoriale e le degustazioni che mensilmente avvenivano alla Yamagata Brewing Research Society.

 

Ai partecipanti veniva richiesto di commentare ogni campione assaggiato, e di focalizzarsi sui limiti di ogni sakè, offrendo ad ogni produttore solo critiche costruttive. “ Lo scopo era di incoraggiare i produttori ad essere aperti ed onesti fra loro, condividendo le proprie tecniche ed opinioni “ spiega il sig. Koseki. In aggiunta agli incontri mensili, un workshop annuale della durata di due giorni aiutò a cementare questi legami vitali fra produttori e il conseguente scambio di conoscenza. Questo intelligente sistema di cooperazione è alla base dell'ascesa di una regione che si trova oggi ad essere la prima per qualità di Sakè , come testimoniano le numerose vittorie a competition e il riconoscimento internazionale tramite l’International Wine Challenge.

 

Grazie alla Sake Sommelier Association il prossimo Ottobre  tutti i nostri Sake Sommelier avranno modo di incontrare Koseki sensei, il fautore del miracolo di "Yamagata"!

 

Clicca qui e scopri come assicurarti un posto alla più importante masterclass sul sakè mai tenuta in Italia !

 

Kanpai !

 

Dopo il grande successo riscontrato al Vinitaly l’anno scorso, il sake sarà nuovamente protagonista dell’edizione 2018 che si terrà a Verona dal 15 al 18 Aprile.

Con la straordinaria presenza dei più alti rappresentanti della prefettura di Yamagata, all’interno del padiglione dei vini internazionali, potrete trovare ben 12 sakagura ( cantina di sake ) con i rispettivi toji e presidenti  a rappresentare il meglio del panorama attuale del vero sake giapponese.

Con il patrocinio della Sake Sommelier Association vi guideremo in un percorso alla scoperta del nihonshu aiutati dal team di sake sommelier di SAKECOMPANY.

 

( Katsuhiko Miyasaka, membro della famiglia Masumi ) 

In occasione del Vinitaly 2018 presenteremo il nostro nuovo catalogo, ampliato e arricchito con una selezione di produttori fra i quali spicca Masumi sakagura, storica cantina della prefettura di Nagano, nata sulle rive del lago vulcanico di Suwa.  Il nome “ Masumi “ deriva dallo “ specchio Masumi “, il tesoro più prezioso di Suwa-Taisha, antico tempio shintoista fra le montagne di Nagano ken ricco di fonti di acqua purissima. Produttori di sake dal 1662, è con Masaru Miyasaka, il bisnonno dell’attuale proprietario, che la famiglia Miyasaka raffina l’arte della fermentazione. Il figlio Kazuhiro amplierà la sakagura e nel 1943 prende la medaglia d’oro del National Research Institute of Japan. Il 1946 presso la sakagura Masumi viene scoperto il Kyokai Kobo No. 7. La particolarità del lievito No. 7 è che conferisce un aroma elegante e delicato al sake, e viene utilizzato nella produzione della tipologia Ginjo e Futsushu.

Vi aspettiamo al Vinitaly 2018 – padiglione International_Hall D / stand A2

per condividere con voi il gusto incredibile del vero sake giapponese! 

 

Durante l’ultimo corso di Sake Sommelier Certificato organizzato a Milano in Marzo è venuta a trovarci dalla prefettura di Ibaraki Nobuko san, toji della sakagura Inaba Shuzo. Questa straordinaria produttrice, una delle pochissime donne toji del Giappone, è un autentico esempio di come si possa produrre il sake con precisione e rispetto assoluto della tradizione, pur avendo una prospettiva gastronomica nuova, rivolta al consumatore moderno.

La sua cantina, fondata nel 1867 sulle pendici del monte Tsukuba, deve il suo successo al recupero di tecniche tradizionali di produzione del sake e all’utilizzo di acqua purissima del fiume Minanogawa. Il lavaggio del riso, la lavorazione e il processo di fermentazione vengono eseguiti interamente a mano, senza l’ausilio di strumenti di misurazione o macchinari moderni.

In particolare la pressatura viene eseguita manualmente con la tecnica del “fukurou tsuri “, che prevede di appendere un sacco di tela pieno di moromi (mosto di sake) e lasciar colare il contenuto nella bottiglia grazie alla gravità. Questa tecnica di estrazione naturale preserva la fragranza degli aromi ed è una delle caratteristiche che distinguono lo stile della toji Inaba san.

Stile che ritroviamo nel prodotto punta della cantina Inaba Shuzo, lo Stella Muroka Junmai Daiginjo, un sake delicato ricco di aromi con spiccate note erbacee, rarissime anche nel mondo dei sake da competizione. Questa cantina è solo uno dei tanti esempi di produttori eccellenti che potrete trovare ai corsi della Sake Sommelier Association, vi aspettiamo e kanpai ! 

E’  iniziato il corso di Sake Sommelier Avanzato che vede alcuni dei nostri Sake Sommelier volare fino in Giappone per apprendere i segreti della produzione del sake, esplorare le migliori cantine e studiare la teoria e pratica dell’arte nascosta del toji ( enologo del sake ).

I nostri sake sommelier nei giorni passati hanno avuto modo di esplorare e studiare le sakagura Konishi e Kenbishi nella regione di Hyogo, storiche cantine famose per la produzione di sake di altissima qualità che vengono prodotti e invecchiati con tecniche particolari.  Proseguiranno volando nella prefettura di Yamagata e trasformandosi in kurabito ( lavoratori della sakagura ) presso alcune delle cantine più famose del nord del Giappone.

soaking rice

Il corso avanzato, riservato ai Sake Sommelier certificati,  permette di toccare con mano i segreti della produzione, lavorare a diretto contatto con i kurabito, vivere e respirare la vita e l’ambiente della sakagura nel momento di massima tensione e lavoro della stagione invernale.

Per affrontarlo è necessario aver superato il corso di Sake Sommelier certificato, suddiviso in tre giornate intensive,  con l’esame finale per il conseguimento della certificazione che si svolge il pomeriggio dell’ultimo giorno. Durante il corso avrete modo di conoscere le origini e i processi di fermentazione del sake in dettaglio, apprendere come presentarlo e servirlo al meglio e potrete incontrare produttori o esperti di miscelazione di livello internazionale.

Saranno distribuiti tutti i materiali necessari ed un elegante notebook, dotato di glossario, schemi e suggerimenti fondamentali. Clicca subito QUI e diventa anche tu un Sake Sommelier !

Kanpai!

Neanche il tempo di inviare una comunicazione ai nostri Sake Sommelier riguardante il Corso di Sake Sommelier Avanzato previsto per Febbraio 2018 che i posti disponibili sono già sold out!

Durante questo viaggio, della durata di 9 giorni, i partecipanti avranno modo di esplorare alcune delle migliorisakagura (cantine del sake) del Giappone, lavorando e parallelamente studiando (teoria e pratica) la produzione del Sake. L’associazione SSA ha selezionato cantine di diverse zone e con diverse tecniche di produzione che accoglieranno gli studenti nel cuore del processo produttivo. Il corso avanzato permette di imparare i segreti della produzione, lavorare a diretto contatto con i kurabito (lavoratori della sakagura), vivere e respirare la vita e l’ambiente della sakagura nel momento di massima tensione e lavoro della stagione invernale.

Le cantine selezionate sono diverse sia per posizione geografica (centro e nord) sia per dimensione (grandi produzioni e piccole produzioni locali) in modo da poter assaporare sia la visione della produzione “meccanizzata” sia la produzione locale di piccoli lotti.

La vita del Kurabito prevede di condividere orari e turni di lavoro, sarà una esperienza interessante il poter dormire nella stessa casa dei Kurabito, poter condividere abitudini, colazione, pranzo e cena, i turni diurni e notturni (per chi viene assegnato alla koji muro per esempio), il portare il peso del riso sulle proprie spalle, fino ad arrivare alla soddisfazione dell’assaggio del sake nama e doburoku.

 

Considerando il successo di questa iniziativa per chi fosse interessato accettiamo già da ora prenotazioni per il prossimo Corso Avanzato di Sake Sommelier.
Per info e prenotazioni scriveteci a corsi@sakesommelierassociation.it !

A presto e kanpai!

Avete già chiuso casa e siete pronti per le tanto agognate ferie? Non così di fretta!

SAKE SUMMER CONTEST

Questa estate Sake Company vi da la possibilità di vincere un posto per i corsi di Sake Sommelier, l’unico corso certificato specializzato in Italia per diventare sake sommelier, organizzato dalla Sake Sommelier Association (SSA). Cosa dovete fare per vincere questo fantastico premio?

Semplice, prima di partire ricordatevi di mettere in valigia una bottiglia di sake di Sake Company!

Arrivati a destinazione stappatela e scattate un selfie con la nostra bottiglia di sake, postatela con l'hashtag #sakesummercontest e taggate Sake Company su Instagram o Facebook. Cliccate QUI per partecipare !

La foto che riceverà in assoluto più like durante il mese di Agosto vincerà la possibilità di partecipare gratuitamente a uno dei corsi di Sake Sommelier SSA – valore 475 € - che si terranno a Roma e Milano a Settembre e Novembre.

 Cosa aspettate? Scattate, postate, ditelo a un amico e bevete! Kanpai!

Sei un barman che ha scoperto da poco il sake o un assiduo consumatore che si chiede come venga prodotta questa bevanda giapponese? Vorresti conoscere meglio le principali fasi di fermentazione, temperature di servizio e i segreti della sake mixology o scoprire come vendere e trattare un prodotto che ha sempre più rilevanza nel settore beverage nazionale?

Become a Sake Sommelier

Vieni l’11,12 e 13 Settembre a Party in Bottle a Roma, dove la Sake Sommelier Association (SSA) organizza in collaborazione con Sake Company l’unico corso certificato specializzato in Italia per diventare sake sommelier.

Il corso è suddiviso in tre giornate intensive e durante il pomeriggio dell’ultimo giorno si svolgerà l’esame finale per il conseguimento della certificazione.

 
Durante il corso avrete modo di conoscere le origini e i processi di fermentazione del sake in dettaglio, apprendere come presentarlo e servirlo al meglio e potrete incontrare produttori o esperti di miscelazione di livello internazionale.

 KENBISHI
(Nella foto: Presidente di Kenbishi, Shirakashi san, durante il corso di Giugno 2017)


“ Il sake è ottimo per realizzare dei miscelati. E’ un prodotto esclusivo da unire a vodka, essenze o estratti di fiori e frutta per fare cocktail che non ti aspetti. Il suo sviluppo futuro, sono convinto, sarà enorme, basti pensare che quest’anno ha fatto il suo debutto anche al Vinitaly. Io ci credo moltissimo e continuerò a organizzare serate di degustazione per farlo assaporare e conoscere alla cittadinanza..."

Intervista a Paolo Chiesi – nostro corsista e oggi Sake Sommelier

 

Grazie agli insegnamenti del corso, si acquisiranno conoscenze sulle strategie di presentazione, degustazione e vendita del sake.

Saranno distribuiti tutti i materiali necessari ed un elegante notebook, dotato di glossario, schemi e suggerimenti fondamentali.

 

I prossimi corsi SSA sono pianificati per:
11,12,13, Settembre 2017 a Roma:
Qui il link per iscriversi: 
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-corso-di-sake-sommelier-settembre-2017-35422906868

6,7,8 Novembre 2017 a Milano:
Qui il link per iscriversi:
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-corso-di-sake-sommelier-novembre-2017-35422935955

Simone Baggio, L'Alchimista

Questo mese abbiamo avuto il piacere di intervistare Simone Baggio, titolare dell'Alchimista, un bistrot e cocktail bar a Castelfranco Veneto.
Presenta una ampia selezione di Sake e Shochu, inoltre sperimenta una miscelazione di altà qualità con il Nihonshu.

Read More

Festa Sake Sommelier

Tutto esaurito per la quarta edizione 2016 del corso di Sake Sommelier Certificato SSA che si svolgera' a Milano il 22-23-24 novembre.

Tutti invitati al brindisi del 24 novembre per festeggiare i nuovi Sake Sommelier!

Read More

SSA arriva a Roma

May 11, 2016

corsi   roma   sake sommelier   sommelier   SSA  

SSA APRILE

Questo post parla di Sake Sommelier e di come diventarlo.

Come referenti SSA (sake sommelier association) abbiamo già completato due corsi a Milano da inizio anno. I corsi sono andati molto bene e per la prima volta a Giugno, per la precisione il 20-21-22 approderemo a Roma per il primo corso ufficiale tenuto nella capitale.

Read More
Advanced Search → Your Cart is Empty Subtotal Order Notes Checkout Continue Added Add to Cart item left items left Sold Out Unavailable